sabato 10 ottobre 2015

Dopo due giorni interi qui...

..posso parlarvi un pochino. Non volevo scrivere un post superficiale.
Non ho fatto molte foto perché la hostmum era con me, e stare con il cellulare a fare foto sembrava poco carino.

Va tutto bene, la famiglia è molto carina e la casa è fighissima (ho una stanza enorme con bagno personale e un letto matrimoniale tuuuuutto per me, anche se ho un compagno di stanza orribile :( devo trovargli un nome).

La hostmum ha tentato disperatamente di farmi imparare le strade in due giorni ma NON ci sono riuscita, troppi incroci troppe svolte, gli unici tre punti di riferimento sono una casa bianca e nera (non che sia diversa dalle altre .-.), un cartello fuxia e un supervalue. OOOOK.
Il problema con la guida non è tanto il sinistra o destra, ma riuscire a prendere le misure della macchina insieme a quelle della strada: qui la maggior parte delle strade è composta da percorsi strettissimi MA a doppio senso, MA con un maledetto fosso a sinistra, e la macchina che dovrei usare è totalmente diversa da quella che ho a Roma, e quindi mi è difficile rapportare le grandezze alla strada più piccola e la macchina più grande. Ho visto la delusione nei suoi occhi mentre tentavo di guidare, nei suoi sogni si vedeva già libera dal portare i pupetti da lunedì, ma insomma era prevedibile non andasse subito benissimo alla prima volta!!

Ho iniziato giovedì un corso di inglese per au pairs, e ci vado con la au pair della casa "accanto" (non so calcolare le distanze ma credo sia tra i 3 e i 5 km) che è spagnola e al momento risulta essere simpatica.
Ecco, vorrei spendere due minuti sull'argomento amiche au pair: io capisco le buone intenzioni, ma le famiglie che hanno una au pair in casa sembrano un'enorme collettiva agenzia matrimoniale lesbica: ci spingono a frequentarci SUBITISSIMISSIMO, ci implorano di uscirci, ci suggeriscono pure su COSA fare...
per carità, capisco benissimo il motivo (non ti deprimi a stare da sola, si ha più o meno la stessa età e si sta vivendo la stessa esperienza e quindi si ha qualcosa da dire in genere, ti alleni ulteriormene a parlare ed elaborare discorsi, non bighelloneggi (?) in casa nel tempo libero...) e sono d'accordo con loro, ma ciò che mi fa specie è la metodologia! mi ricordano i genitori asiatici di film e telefilm che tentano di combinare matrimoni per figli ignari...questi avevano già deciso che avrei frequentato Carolina, la ragazza spagnola, perché è arrivata la sera prima di me ed è appunto vicina casa. Per carità una buona idea, ma fa ridereXD

Dicevo del corso: il corso è la sera e siamo una quindicina di au pairs, con un'insegnante irlandese molto simpatica. Diciamo un sacco di cagate sia a livello di contenuto che di ortografia, ma ci corregge e quindi va bene così. A quanto pare qui va molto di moda la Spagna, ci sono tantissime ragazze alla pari spagnole, sono l'unica italiana del corso!e poi ci sono due ragazze da Germania e Austria.


Ora arrivo a ciò che volevate sentire: l'Irlanda.
Ovviamente non mi sono già messa a esplorare l'Isola e credo che ci vorrà ancora un po' prima che possa avventurarmi, ma comunque mi sono fatta un'idea della zona in sé.
Tutti sembrano molto rilassati e contenti, si salutano mentre guidano, anche da lontano; sorridono quando parlano con i vicini, e, almeno per adesso, mi sembrano sinceri. Mangiano molto meglio di quanto pensassi, ma mi sonvolgono comunque gli orari. Non ero preparata ad un unico pasto al giorno alle 3 del pomeriggio, se non si conta una misera colazione alle 8. Infatti mi sto strafogando di crackers la sera :( non vedo l'ora di riuscire a guidare per poter andare al primo supermercato economico della zona a prendere kg e kg di verdure da mangiarmi in una seconda cena...sicuramente mi abituerò ma al momento non mi ci sto abituando e il mio corpo, verso le 8, reclama cibo. C'ha ragione porello.
Comunque sia, dicevo: mi trovo nella regione interna e piatta dell'Irlanda, non ci sono imminenti scogliere e nemmeno altissime montagne, i boschi non ne parliamo. Ci sono bei posti comunque che devo esplorare, magari con i pupi.
In ogni caso le cittadine in sé sono piccoline e tranquille, con un sacco di pub e tea room, ma anche biblioteche, cinema ecc. Spero di riuscire a guidare prima che esca Hotel Transylvania 2 ( qui dovrebbe uscire il 12, il 14, non ho capito) così da chiedere a Carolina se c'ha voglia di vederlo insieme. Visto? mi sembra di star parlando di appuntamenti romantici XDD
La hostmum mi ha portata in una tea room molto carina, dove ho mangiato una fetta gigantesca di lemon meringue pie e una tazza ENORMEH di chai tea, ottimo.
Ovviamente ci sono un sacco di mucche che muuuuuggiscono alle 6 del mattino, ma comunque mi trovo in campagna, non è che sia una cosa così sorprendente!C'è moltissimo verde e finalmene, dopo anni, respiro ossigeno serio.


eccovi il mio compagno di stanza. devo dargli un nome.


ciau ciau!


ps: aggiornamento.
Il compagno di stanza si prende troppe libertà.

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Sono felice che stia andando bene! ^^
    Mi preoccupa solo il tuo compagno di stanza! XD
    Se gli trovi un nome sarà meno brutto! ^^ Sai già se è maschio o femmina?! ^^
    (questi racconti sulle frequentazioni obbligatorie con la spagnola potrebbero far lavorare la fantasia di Miau... XD)

    RispondiElimina