lunedì 30 novembre 2015

Dublino...di nuovo

Sono andata a Dublino per il mercatino di natale. Continuo a odiare questa città, grigia con smog ma allo stesso tempo senza molte cose. Ha alcuni scorci molto belli e se non si è stati altrove nella vita può sembrare abbia molto, ma onestamente dopo tante volte a Londra, Parigi e altre città europee con altrettanta storia alle spalle, non riesco a ritenere Dublino una meta interessante. Alcune ragazze alla pari qui la adorano, ma odiano Londra e Parigi, quindi tutto torna.

Il mercatino in sé è carino perché selezionato, per dire ho trovato solo cose irlandesi sia mangerecce che di oggettistica (giochi, libri ecc), ma di per sé mancava l'atmosfera!!
Avrebbe potuto essere tranquillamente un mercatino sull'orgoglio irlandese e sarebbe stata la stessa cosa.
Ho comunque comprato abbadtanza roba da giustificare il viaggio.
Oltre il mercatino, ho girato in tondo per tre ore alla ricerca della beatty library. Gli irlandesi sono un popolo tenerissimo, ti aiutano sempre in buona fede, ma i dublinesi non hanno la più pallida idea di dove siano i loro monumenti, musei e punti di interesse generali. È la terza volta che tento di arrivarci e finalmente ce l'ho fatta, ma diamine se ci ho messo un totale di 20 ore per arrivarci è perché mi hanno dato le informazioni sbagliate pure all'ufficio del turismo. E non è per il mio inglese, credetemi.
Purtroppo ha piovuto tanto durante il mio girovagare, ero fradicia, e mi sentivo nelle orecchie un violinista fantasma suonare qualche musica triste e depressa. E dopo tutto ciò, alla fine scopro che questa library è sì carina con belle opere esposte, ma che a conti fatti è una copia in piccolo e meno ricca della british library, dove sono esposte opere della letteratura che ci emozionano (vedere dal vivo alice nel paese delle meraviglie è emozipnante, l'ennesimo corano decorato no...). Sono esposte molte cose belle da vedere e si studia letteratura cinese i libri esposti probabilmente ti emozioneranno come Alice lo fa norma ente alla british, ma in generale, per me, non è valsa la pena di tutto questo girare in tondo!!

Nella ricerca disperata di questo luogo, sono passata attraverso il centrp commerciale più carino del mondo.

Pancakes nella gallery st.george

Giostra al mercatino di natale


Il centro commerciale di cui non ricordo il nome. Comunque è alla fine di Grafton street



4 commenti:

  1. OMK! Il centro commerciale è troppo bello ne vorrei uno uguale qui a Roma!!!!! awwwwww
    La questione dei monumenti a me è capitato anche a Roma... nessuno dei romani a cui ho chiesto ha saputo mai darmi indicazioni -__-
    La giostra era al mercatino di Natale? *.*
    Il pancake è un po' terrorizzante, com'era da mangiare?!
    (io ho provato a farli e non fanno per me, quelli del Mac Donald sono peggio dei miei! Non ho metri di paragone XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era deludente e ci hanno messo più di mezz'ora per prepararmelo xddd io amo i pancakes che faccio ;) se mai ci vedremo, ti farò provare!)
      Sì la giostra era al mercatjno, ed ero l'unica adulta xdddd tutti che mi guardavano malissimo!

      Elimina
  2. Anche a me quando hai parlato della gente del posto che non sa are indicazioni mi sono venuti in mente gli italiani :'D
    Il pancake sembra delizioso *_*
    A me i posti nebbiosi sembrano molto poetici, ma quelli naturali, credo in una città perennemente nebbiosa mi verrebbe la depressione. :'D
    Comunque la giostra è carinissima e anche il centro commerciale *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è nebbiosa. È grigia, per gli edifici, le strade, forse lo smog, ma non è nebbiosa se non in condizioni particolari!

      Elimina